Il caso dell'Istituto Polesani

Maltrattamenti in casa cura, 5 condanne... e un'assoluzione

In merito alla vicenda relativa ai maltrattamenti agli ospiti degli Istituti Polesani, una casa di cura privata, sono stata inflitte cinque condanne, ma un medico della struttura è stato assolto

Un frame di video registrato dalla Squadra Mobile
Un frame di video registrato dalla Squadra Mobile (ANSA)

ROVIGO - Si è chiusa con cinque condanne e un'assoluzione la vicenda relativa ai maltrattamenti agli ospiti degli Istituti Polesani, una casa di cura privata di Ficarolo(Rovigo). Il giudice ha condannato a tre anni ciascuna le operatrici socio sanitarie Candida Visentini, 50 anni, di Fiesso Umbertiano, Daria Furini, 39 anni, di Trecenta, Elena Chieregato, 38 anni; Marisa Visentin, 58 anni; Monica Soriani, 50 anni, tutte e tre di Ficarolo. Assolto il medico Tiziano Gaio, 52 anni. I maltrattamenti nella casa di cura per anziani e disabili, secondo l'accusa, si sarebbero verificati da dicembre 2012 fino al licenziamento dei dipendenti arrestati, nel giugno 2014. L'accusa si basava su testimonianze e video registrati dalla Squadra Mobile dal giugno alla metà di agosto del 201. Altri quattro imputati avevano già patteggiato. Resta ancora aperta l'inchiesta sulle morti violente di due pazienti, di cui è accusato un paziente disabile della struttura, sottoposto a misura di sicurezza in un ospedale psichiatrico.