La ricognizione

Lavatrici e tv nei fondali di Venezia

E' quanto 'emerge' dal rilievo della morfologia di dettaglio dei canali della laguna di Venezia realizzato per la prima volta dall'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) e dall'Istituto idrografico della Marina (Iim)

Lavatrici e tv nei fondali di Venezia
Lavatrici e tv nei fondali di Venezia (ANSA)

 VENEZIA - Erosioni attorno a strutture costruite dall'uomo anche negli ultimi anni e un notevole impatto antropico sui fondali: zone di dragaggio e materiale gettato in acqua come elettrodomestici, container, piccoli barchini e parabordi. E' quanto 'emerge' dal rilievo della morfologia di dettaglio dei canali della laguna di Venezia realizzato per la prima volta dall'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) e dall'Istituto idrografico della Marina (Iim).

Lo studio, finanziato dal Progetto Bandiera Ritmare del ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca (Miur) e pubblicato recentemente sulla rivista online Scientific Data del gruppo Nature, rileva un mondo nascosto reso visibile grazie alla misurazione della profondità delle acque (batimetria) dei canali effettuata con un ecoscandaglio ad alta risoluzione (multibeam).