Enogastronomia

Al Convento dei Carmelitani Scalzi appuntamento con il gusto con «#FeelVenice il (vin) moro di Venezia»

Un evento da non perdere dedicato alle eccellenze dei produttori gastronomici del territorio con una degustazione libera. Ecco cosa vi attende e come partecipare

«#FeelVenice il (vin) moro di Venezia»
«#FeelVenice il (vin) moro di Venezia» (Y_L - shutterstock.com)

VENEZIA – Una giornata di degustazione da non perdere: sabato 23 settembre a partire dalle 14 in città si terrà «#FeelVenice il (vin) moro di Venezia». Protagonisti i vini del Consorzio Vini Venezia e le eccellenze dei produttori gastronomici del territorio con una degustazione libera dai vini del Piave a quelli del Lison-Pramaggiore, senza dimenticare i vini che meglio esprimono il volto della città: la Doc Venezia. Scenario dell’iniziativa il magnifico brolo del complesso del Convento dei Carmelitani Scalzi, a due passi dalla Stazione di Santa Lucia, dove è stato creato il vigneto-collezione della biodiversità viticola veneziana, con più di 20 varietà presenti recuperate da diversi orti e giardini veneziani. Appuntamento annuale che punterà di volta in volta i riflettori su un aspetto delle diverse denominazioni e delle varie ricchezze enologiche del territorio. Per questa prima edizione #FeelVenice avrà il suo focus sul Raboso con la presentazione del libro «Quando Raboso e Friularo si chiamavano vin moro» (Ed. Grafiche Antiga) nuova pubblicazione del noto scrittore e sociologo, il Prof. Ulderico Bernardi. Per la partecipazione alla presentazione alle 9.30 presso il Convento dei Carmelitani è necessario prenotare, dato il numero di posti limitato.

Appuntamento con la cultura
Eccezionalmente aperta al pubblico durante l’evento, sarà possibile visitare la chiesa seicentesca del Convento ora in restauro e l’antico Brolo. Durante l’evento si potranno conoscere e degustare i vini più rappresentativi del territorio di aziende note come: Ai Galli, Astoria, Bellussi Vittorio, Bonotto Giorgio, Bonotto delle Tezze, Casa Roma, Castello di Roncade, Conte di Collalto, Frassina, Frassinelli, Mazzolada, Molon Traverso, Ornella Bellia, Paladin, Stefano Collovini, Tessere, e i vini del Consorzio Vini Doc Bagnoli. La partecipazione all’evento vede il versamento di un’oblazione di minimo 10 euro che saranno interamente devoluti al restauro della facciata della Chiesa di Santa Maria di Nazareth. Orari: sabato 23 settembre apertura evento al pubblico dalle 14 alle 19.30 – oblazione minima di 10 euro. Presentazione del libro alle 9.30 Prenotazione obbligatoria.