23 agosto 2017
Aggiornato 04:00
Arte a teatro

Venezia, La Fenice incontra Fabrizio Plessi

Per la prima volta l’antico Teatro diventa luogo di grande arte grazie a un’iniziativa che trasformerà il cuore stesso del teatro, le sedute di platea, scompariranno per diventare il luogo della narrazione artistica dell'artista

Il Teatro La Fenice incontra Fabrizio Plessi (© Teatro La Fenice Ufficio Stampa)

VENEZIA - Quello tra Venezia e Fabrizio Plessi è un legame antico e profondo, come quello che lega Generali alla città lagunare e a uno dei suoi simboli, il Teatro La Fenice. E oggi, per la prima volta, La Fenice, da storico e famosissimo luogo d’opera e balletto, diventa spazio artistico per una performance del Maestro Fabrizio Plessi, uno dei padri fondatori della video arte, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, grazie a un’iniziativa promossa da Generali Italia tramite il programma Valore Cultura. Un connubio speciale, ineguagliabile e irripetibile reso possibile anche grazie al sostegno di Generali che consentirà, dal 26 luglio al 6 agosto 2017, di vivere l’opera sperimentale Fenix DNA di Fabrizio Plessi.
Da sempre gli elementi primordiali e primigeni dell’acqua e del fuoco sono al centro della ricerca artistica di Plessi che, anche in questa occasione, si esprimerà attraverso ciò che caratterizza il suo dna, unendolo e fondendolo a quello de La Fenice, grazie a 200 calchi - mai visti sinora - disegnati e modellati dal veneziano Guerrino Lovato, quali prototipi delle sculture e dei bassorilievi di ornato della cavea del teatro, distrutto da un terribile incendio nel 1996 e che ha riaperto le porte, in tutta la sua magnificenza, nel dicembre del 2003.

Il teatro come centro di narrazione artistica
Il cuore stesso del teatro, le sedute di platea, scompariranno per diventare il luogo della narrazione artistica di Plessi grazie ai calchi che – come dice l’artista – «sono l’elemento positivo, quello da cui tutto potrà sempre rinascere». Tra essi, che riproducono capitelli, barbacani, teste di putti, maschere e grottesche, il visitatore assisterà a una performance che trasformerà La Fenice, come tutti la conosciamo, in un'altra La Fenice, ancora risorta dalle sue stesse ceneri, come l’animale mitologico di cui porta il nome. Ogni giorno, inoltre, il pubblico potrà ascoltare le note composte appositamente dal Maestro Giovanni Sparano, eseguite da Pourquoi-Pas Ensemble con la direzione di Alvise Zambon e cantate dal mezzosoprano Francesca Gerbasi per un’esperienza totalmente immersiva di luci e colori, tra l’eco degli elementi di acqua e fuoco da sempre nel dna di Plessi, di Venezia e della storia del Teatro La Fenice.

Un evento che unisce tre realtà
Un’iniziativa promossa da Generali Italia tramite il programma Valore Cultura, prodotta da Fondazione Teatro La Fenice, in collaborazione con Arthemisia che consentirà - dal 26 luglio al 6 agosto 2017 - di vivere l’opera sperimentale Fenix DNA di Fabrizio Plessi. Storico il rapporto che unisce i protagonisti di questo evento, Generali e La Fenice. Nel corso della sua storia La Fenice, colpita da due incendi, ha trovato sempre al suo fianco Generali come assicuratore. Prima brucia il 12 dicembre del 1836, poi il 29 gennaio 1996: il gigantesco rogo distrugge lo storico teatro per ben due volte divorando gli arredi e trasformando in macerie gli ori e gli stucchi che ornavano la sontuosa struttura. Il cantiere, il processo, la ricostruzione e l’ultima riapertura, quella del 13 dicembre 2003 avvenuta grazie anche al ruolo di Generali che ha risarcito i danni di entrambi i disastrosi avvenimenti restituendo al teatro veneziano lo sfarzo di un tempo.
L'iniziativa vede il coinvolgimento di Assicurazioni Generali, Banca Generali e Generali Italia che con il progetto Valore Cultura promuove l’arte e la cultura su tutto il territorio italiano. L’intento è creare valore condiviso per la comunità attraverso occasioni di fruizione artistica che siano accessibili ad un pubblico sempre più vasto. Questo si realizza con il sostegno e l’ideazione di mostre, eventi, iniziative didattiche e di formazione per i più giovani, esperienze legate alla scoperta delle forme artistiche più celebri e delle istituzioni musicali più prestigiose. Tutto questo supportando la conoscenza del patrimonio artistico e incoraggiando l’innovazione. Per i cittadini veneziani è stata garantita la possibilità di ammirare gratuitamente l’opera sperimentale in due giornate: il 28 e 29 luglio.