Negli ultimi 12 mesi

Fermati 630 «corrieri» con 25 milioni di euro in contanti a Tessera

I servizi, numerosi da parte dei finanzieri e dell'Agenzia delle Dogane, hanno permesso di fermare cittadini di varie nazionalità, per lo più cinesi, russi, africani e italiani, che stavano per «esportare» 10 milioni di euro in maniera occulta.

Banconote da 500 Euro
Banconote da 500 Euro (Shutterstock.com)

VENEZIA - Oltre 25 milioni di euro in contanti sono stati trovati negli ultimi 12 mesi nelle valigie di 630 viaggiatori all'aeroporto di Tessera dalla Guardia di Finanza, che ha «incamerato» così per l'erario più di 500.000 euro tra sequestri e oblazioni. I servizi, numerosi da parte dei finanzieri e dell'Agenzia delle Dogane, hanno permesso di fermare 630 «cash couriers», cittadini di varie nazionalità, per lo più cinesi, russi, africani e italiani, che stavano per «esportare» 10 milioni di euro in maniera occulta.

L'importo massimo consentito da esportare è di 10 mila euro
Tra i casi, quello di una coppia di distinti indonesiani di mezza età, residente in un «paradiso fiscale», trovata con 105.000 euro nascosti in apposite tasche ricavate all'interno di una borsetta e minuziosamente ricucite per non destare sospetto. Mentre è di qualche giorno fa il fermo di un nigeriano trovato con 90.000 euro, in taglio da 50 e 100 euro, abilmente riposti nel bagaglio da stiva con la speranza di eludere i controlli doganali.