il caso

Deborah scappa da Chioggia: «Mi insultano perché trans. Ho paura»

La 35enne si è sfogata su Facebook: «Percorro la strada che segue il canale per tornare o uscire di casa e inevitabilmente passo davanti a un bar dove piovono insulti così»

Chioggia
Chioggia (Comune di Chioggia)

TRIESTE - «Sono discriminato dai miei compaesani per la mia scelta». Deborah Rossetti ha 35 anni, vive a Chioggia ed è transessuale. Ha fatto i conti con sé e ha scelto la vita migliore per lei. Ma in paese c’è chi non l’ha presa bene: quando cammina per strada piovono insulti, commenti. La sua storia è finita su Il Gazzettino. «Questa forte discriminazione - si legge in un post su Facebook - dei miei compaesani si traduce in insulti, maltrattamenti morali. Praticamente una situazione che dura da molto anche troppo e devo subire tutto questo solo perché ho scelto di percorrere un iter che mi porterà ad accettarmi e a star a mio agio con me stessa. Percorro la strada che segue il canale per tornare o uscire di casa e inevitabilmente passo davanti a un bar dove piovono insulti così per divertimento anche se sono con mia madre facendomi sentire a dir poco da schifo. Situazione che si ripete un po' ovunque. Non ho amici perché ovviamente mi allontanano e ho paura». La 35enne si è trasferita da poco a Porto Viro, in provincia di Rovigo. Dopo la sua denuncia social molti chioggiotti, anche sulla pagina di Chioggia Azzurra, si sono schierati dalla sua parte.