A San Stino di Livenza

Apre una moschea: i residenti «rispondono» con la porchetta

Al taglio del nastro del centro di preghiera, che ha tutte le necessarie autorizzazioni, circa duecento fedeli, con la presenza dell'ambasciatore del Marocco, Hassan Abouayoub, e anche del sindaco di San Stino, Matteo Cappelletto. Dall'altra parte della strada 30-40 cittadini del posto, arrabbiati per la presenza della nuova struttura

Banchetto a base di porchetta per protestare contro la moschea
Banchetto a base di porchetta per protestare contro la moschea (ANSA)

VENEZIA - Un banchetto con una porchetta da affettare: è la provocazione messa in scena domenica mattina a San Stino di Livenza da un gruppo di residenti per protestare contro l'inaugurazione di una moschea, creata dalla locale comunità islamica in un capannone ristrutturato.
Al taglio del nastro del centro di preghiera, che ha tutte le necessarie autorizzazioni, circa duecento fedeli, con la presenza dell'ambasciatore del Marocco, Hassan Abouayoub, e anche del sindaco di San Stino, Matteo Cappelletto. Dall'altra parte della strada 30-40 cittadini del posto, arrabbiati per la presenza della nuova struttura, contro la quale si sono opposti invano, appoggiati da una raccolta di firme della Lega Nord. 
Il leader religioso della nuova moschea, Bouchaib Tanji, aveva invitato alla cerimonia tutta la popolazione del paese.

«Noi vogliamo che questo luogo sia aperto a tutti i cittadini che sono interessati a conoscere il mondo e la cultura islamica» ha detto Tanji. Ma la risposta del gruppo di residenti è stato un contro-banchetto, protagonista una porchetta che è stata affettata e servita ai presenti. Tra i manifestanti, qualcuno ha issato una bandiera con il Leone di San Marco. La protesta, controllata dagli uomini della Questura, è rimasta pacifica anche se non sono mancati momenti di tensione.